I colori della montagna

Ieri dopo due mesi circa dall'ultima volta, sono tornata nuovamente verso la montagna, per una passeggiata distensiva e rilassante.la scorsa volta, avevo lasciato la delle linghe di ghiaccio, che in questi due mesi si sono disciolte, lasciando spazio ad un terreno arso, ad una montagna brulla, ad alberi ingialliti che sembravano bruciati dal sole e dal ghiaccio.
I frutti di bosco scarseggiavano molto, non ho visto more e mirtilli, giusto qualche lampone qua e la, e fragoline che stentavano, si potevano contare sulle dita.
In compenso gente che passeggiava come me, come noi sulla strada ve ne era assai, altra che prendeva la tintarella in costume, altri che partivano per escursioni, in breve la montagna era molto viva. 

Ma vedere questi alberi, con le foglie già marroni, è sembrato molto strano, come un avviso di autunno bello e buono. 

I colori cambiavano mano mano che dalla montagna si discendeva verso valle, anche la non era splendida come gli scorsi anni la natura, così verde che al solo fondarvi lo sguardo ti rilassavi, è stato diverso. 
La cosa più strabiliante è stato aver visto neanche due mesi fa una vegetazione ricca, di un colore verde brillante, ritrovarla ora con colori tendenti al marrone al giallo, questo in sincerità mi ha lasciata perplessa.
Dunque lassù è già autunno?



Quei colori ci hanno fatto riflettere, su come la natura sta mutando, ed ora questa mia piccola riflessione la posto in questo spazio vuoto.
Gina.


                                                  


Post più popolari